Trasferta a Sant’Agata sul Santerno

Domenica 28 aprile 2024 siamo stati, in occasione del 25.esimo anniversario della fondazione del centro sociale ”Ca di Cuntaden”, a Sant’Agata sul Santerno.
É stata l’occasione per vedere quale fosse l’attuale situazione nel Paese martoriato dalla recente alluvione del 13 maggio 2023.
La realtà che si è manifestata ai nostri occhi certifica ancora delle grossissime criticità che rendono evidente come la normalità sia lontana.
Dal video e dalle fotografie viene evidenziato come nelle abitazioni, che sono state invase dall’acqua anche fino a due metri di altezza, hanno dovuto togliere tutto l’intonaco dalle pareti interne per cercare di fare uscire tutta l’umidità incamerata; cosa necessaria per non rendere inutili i lavori di ripristino dello stato dei luoghi colpiti.
Se l’evento fosse successo in autunno o in inverno, anziché in primavera inoltrata, l’umidità incamerata dai muri avrebbe richiesto anni per il suo smaltimento.
Attualmente il palazzo comunale non è agibile per cui le sale del centro sociale, una volta rese abitabili, saranno occupate dagli uffici comunali che, dopo l’alluvione, sono state trasferite nell’edificio scolastico.
Questo momentaneo utilizzo, da parte del Comune, della struttura della “Ca de Cuntaden” si rende necessario per lasciare la piena disponibilità alle attività scolastiche degli spazi attualmente occupati.
Il centro sociale, finché il palazzo comunale non sarà completamente agibile, ha quindi spostato le sue attività in una struttura messa a disposizione del parroco del Paese.
Questa è l’attuale situazione di Sant’Agata i cui abitanti, comunque, si sono rimboccati le maniche e, senza lamentarsi, si sono fatti carico, nonostante le persistenti criticità, della grande necessità di rivitalizzare la propria martoriata terra

Aiuti a Sant’Agata sul Santerno – Ravenna

Dopo essere stati di nuovo a Forli abbiamo deciso di portare il nostro aiuto nel ravennate.
Domani, domenica 28 maggio, faremo la prima trasferta a Sant’Agata sul Santerno dove siamo riusciti ad avere un contatto con il responsabile dei volontari.
Da un colloquio telefonico è emersa una situazione molto pesante per cui cercheremo di strutturare un piano di intervento mirato.
Pensiamo che, passata l’emergenza , dovremo continuare ad assicurare il nostro supporto, cercando di sopperire alle criticità che inevitabilmente emergeranno.
Riteniamo che la fase post emergenziale sia la più delicata: passata l’onda dell’ emotività spesso ci si dimentica di chi ha bisogno.
Vi terremo informati.

Incontro: 
Domenica 28 maggio 2023
Ore 8.30 nel parcheggio di fronte alla farmacia comunale (Supermercato Diamante)
Portare stivali e guanti
Ricambio e sacco per gli indumenti sporchi
Pala o tira acqua (non obbligatorio. La ditta Bagnesi ce ne ha regalati diversi)

Chi volesse partecipare è il benvenuto. Ad oggi abbiamo 1 pulmino ed 1 auto a disposizione.
Contattare Dr. Lugli (3383160142) oppure Mauro (3460462727)

Seguiteci su Facebook ed Instagram

Immagine tratta da Ravenna e dintorni

Alluvione in Romagna – Maggio 2023

Ieri, martedì 23 maggio, abbiamo fatto la prima trasferta al quartiere Cava di Forli ed è indescrivibile quella che abbiamo visto.
Siamo riusciti ad avere contatti con chi sta organizzando gli aiuti ed anche direttamente con un rappresentante del Comune di Forlì.
Ciò ci permetterà di programmare gli aiuti, materiali e finanziari, in modo tale da dare concrete risposte alle reali necessità del momento.

Il rischio da evitare è che, sull’onda della emotività, non si intercettino le reali opportunità di un aiuto che possa dare risposte alle richieste della collettività locale e dell’amministrazione.
Ci è stato detto, ad esempio, che la lista degli aiuti materiali – acqua, cibo, pannolini ..- viene aggiornata ogni giorno.

Abbiamo concordato, che ci venga inviato quotidianamente l’aggiornamento delle loro necessità a cui cercheremo di dare concreto seguito con il vostro aiuto.

Vi invitiamo di seguire gli aggiornamenti che pubblicheremo.

L’unica cosa positiva della giornata di ieri è stata quella di avere visto giovani, pensionati, donne, bambini che, ciascuno con il suo apporto fa battere il grande cuore della solidarietà.
È stato commovente per cui rinnovo a chiunque voglia vivere questa esperienza di unirsi a noi.

Domani, giovedì 25 maggio, ripartiamo.

Per informazioni: Maurizio Lugli – cell. 338 316 0142

Pagina Facebook Cattolica per la Tanzania
Profilo Instagram Cattolica per la Tanzania